Sabato 1 Dicembre 2018

ore 20.30

 La tradizionale:


Come ogni anno in questa stagione, il nostro Agriturismo propone una serata dedicata alla riscoperta delle vecchie ricette della tradizione veneta.

Potrete gustare le nostre specialità alla scoperta degli anitichi sapori!



MENU' PROPOSTO

Antipasto
Musetto e cren
Martondelle
Bruschette con fegato
Crostino con lardo

Primi Piatti
Pasta e fagioli
Bigoli al ragù di maiale


Secondi Piatti
Ossi di maiale con cren
Trippe alla parmigiana

Contorni
Patate fritte
Insalata mista
Verze stufa
te

Dolci
Pinza
Crostata alla marmellata

Caffè corretto

Vino-Acqua


PREZZO: 20 EURO



E' gradita la prenotazione:
0424 556075  -  3394278790



Non dimentichiamo le nostre tradizioni!!

Nel Veneto  il maiale ha sempre avuto un ruolo centrale nell'alimentazione.
Soprattutto nelle campagne,  il maiale riusciva a garantire il minimo vitale per la sopravvivenza: per  tutto l'800 e per molti anni del '900, il maiale fu sempre considerato nell'economia veneta come il "salvadanaio familiare"!
Fino a poco tempo fa il maiale rappresentava in pratica la sola carne di cui si nutrissero i contadini: mentre per i nobili e per i borghesi della città era il mangiare quotidiano, per i contadini era solo una vivanda festiva e costituiva l'eccezione.
 Il maiale, la cui vita costituiva al tempo stesso il più facile ed il più grosso investimento del contadino, costituiva quindi una ricchezza che ha sempre accompagnato le nostre genti, tanto da rendere la sua uccisione una sorta di rito sacrificale in cui la vittima era immolata per il benessere della famiglia.
 La morte del maiale rappresentava, dunque, un'occasione per far festa, per dimenticare le privazioni dell'intera annata, per mangiare almeno per una volta a volontà. Era un giorno di grande baldoria soprattutto per i giovani che rimanevano a casa da scuola e che, assistendo alla breve ma impressionante agonia del grande animale, affrontavano una delle tappe che li avrebbe condotti alla vita da adulti.
La macellazione si svolgeva all'aperto, nonostante il freddo o la pioggia, con la partecipazione di tutta la corte e si concludeva con la festa nella grande cucina della casa colonica con canti, danze e una grande polenta in mezzo alla tavola per accompagnare le carni cotte del maiale e con grandi boccali di vino nuovo.
Vi aspettiamo!!

Malga Vittoria